ESCLUSIVA – Intervista a Alex White

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Dopo avervi presentato la prima intervista in esclusiva per Alien Universe Italia fatta all’autore Phillip Kennedy Johnson, in occasione del lancio della nuova serie a fumetti dedicata ad Alien di casa Marvel Comics, oggi, nel giorno dell’uscita americana del nuovo romanzo originale “Alien: Into Charybdis” per la Titan Books, pubblico l’intervista fatta al suo autore, lo statunitense Alex White.

Alex White è conosciuto nell’Alien Universe per aver scritto il romanzo “Alien: The Cold Forge“, titolo uscito nel 2018 e particolarmente apprezzato dai fan del franchise. L’autore ha scritto anche la trilogia di “The Salvagers” per la Orbit e il romanzo di Star TrekDeep Space Nine: Revenant“, in pubblicazione più tardi quest’anno.

Ringrazio prima di tutto Alex per la sua grande disponibilità nel rispondere alle mie domande!


  • Ciao Alex! Innanzitutto, ti ringrazio molto per avermi concesso quest’intervista per Alien Universe Italia! Iniziamo con la solita domanda di rito: qual è stata la tua prima esperienza con il franchise di Alien? Qual è la cosa che ti affascina di più di questo universo narrativo?

 

“La mia prima esperienza con il franchise di Alien è stata con il primo film, in videocassetta. Arrivai alla visione con le aspettative di tonnellate di sangue e orrore, ma non ero preparato per quella sottigliezza e quella grazia nella narrazione. La sua natura distopica mi ha catturato e non mi ha più lasciato andare. Più invecchio, più sento che Alien è rilevante.”

 

  • Hai qualche romanzo, fumetto o videogioco preferito del franchise? Qualcuno ti è servito di ispirazione per scrivere i tuoi romanzi?

 

“Quand’ero bambino, i fumetti “Aliens: Earth War” e “Aliens: Labyrinth”. Da adulto, il videogame “Alien: Isolation” era così bello che non sono nemmeno riuscito a finirlo. Come se fosse semplicemente troppo spaventoso. Prendevo spesso come riferimento Isolation quando, nei miei romanzi, volevo catturare la sensazione di essere braccato. Mi piaceva la forte presenza degli Xenomorfi in quel gioco.”

 

  • Ma veniamo a “Into Charybdis”. Come ti è arrivata l’idea per questa nuova storia?

 

“”Into Charybdis” è una bestia complessa, ma direi che una delle più grandi ispirazioni è un esperimento letterario che avevo sempre voluto provare. Non so bene come parlarne qui senza dire troppo, quindi dirò solo che è diverso da tutto ciò che ho scritto finora.”

 

  • Ci puoi dare una data o un’indicazione sul periodo, in riferimento ai film, in cui si svolgerà questa storia?

 

The Cold Forge si svolge nel 2179, lo stesso anno di Aliens e Alien 3. Into Charybdis si svolge 5 anni dopo, nel 2184.

 

  • In “Into Charybdis” troveremo dei riferimenti anche ai film della saga? 

 

“Amo i riferimenti. Li nascondo ovunque, sia che si tratti di sottili citazioni di frasi dai film o dai fumetti. Se sei un lettore occasionale, ti divertirai, ma se sei un fan sfegatato troverai molti riferimenti nascosti nelle mie pagine.”

 

  • Hai avuto delle linee guida da seguire o dei paletti per scrivere questa storia? E per crearla, ti sei dovuto adattare agli eventi accaduti in altri romanzi o prodotti del franchise? 

 

In qualità di scrittore di tie-in, mi è proibito contraddire i film, ma i fumetti e i romanzi sono un po’ meno canonici. Non ricordo di aver cambiato nulla per adattarlo all’ambientazione, ma probabilmente è perché sono un superfan. Conosco Alien come il palmo della mia mano.

Mi sforzo sempre di essere il più fedele possibile all’intero canone di questo universo, ma è in conflitto con se stesso più volte. Non potrei incorporare molto bene gli eventi di “Earth War”, per esempio, perché non è mai successo, secondo i film. C’è così tanto materiale là fuori, e fondamentalmente cerco di essere il più accurato possibile nei miei racconti. Detto questo, potrei averi sbirciato alcuni riferimenti nei fumetti e nei romanzi.

 

Cover di Marco Turini

 

  • Ti sei servito di qualche reference book ufficiale per scrivere?

 

“Ho utilizzato il “Colonial Marines Technical Manual” e “Alien: The Blueprints”. Vorrei che ci fossero più reference book!”

 

  • Nella storia si parla di un rapporto di tensione tra l’UA e l’Iran. Come mai hai voluto inserire questo tema così reale e vicino in una storia ambientata nell’Alien Universe?

 

“Una delle cose che ho sempre ammirato di Alien è la paranoia, e il rapporto teso tra Stati Uniti e Iran è servito da tavolozza perfetta per questo. Non è difficile trovare incidenti tra i due Paesi e non siamo mai lontani dal successivo. Allo stesso tempo, la nostra paura oscura la nostra conoscenza di culture vibranti e interessanti. Le persone normali che vivono in entrambi i Paesi sono proprio questo: persone normali. Tendiamo a dimenticarlo quando parliamo di relazioni internazionali. Onestamente, il contrasto tra xenomorfi e xenofobia sembrava un dato di fatto.”

 

  • Dai primi dettagli della trama, leggiamo che saranno presenti alcuni Colonial Marines. Com’è stato aver avuto la possibilità di scrivere nuove avventure per questo corpo militare così amato dal fandom?

 

“È stata ardua! Conosco molti soldati nella mia vita quotidiana e ho dovuto consultarli abbastanza spesso. La cultura militare è complessa con molti dettagli da catturare, quindi non volevo rovinare tutto.”

 

  • Prendiamo un fan di Alien che non ha mai letto un tuo romanzo e vuole incominciare ora con “Into Charybdis”, cosa si deve aspettare in termini di atmosfere e toni della storia?

 

“Paranoia, dolore e paura, ma anche famiglia e dovere. Sarà un viaggio infernale. Proprio come The Cold Forge era una risposta al clima horror di Alien, Into Charybdis è una risposta all’azione adrenalinica di Aliens.”

 

  • Qual è secondo te la sfida più difficile nello scrivere un romanzo ambientato nell’Alien Universe?

 

“È difficile scrivere dialoghi quando tutti i personaggi nella scena hanno paura di fare rumore perché gli alieni li uccideranno. È difficile per lo sviluppo del personaggio. Inoltre, è difficile mantenere rilevanti le scene più furtive, dal momento che accadono per tutto il tempo e devono essere sempre diverse e interessanti.”

(Per chi se lo stesse chiedendo, “Into Charybdis” non è direttamente connesso agli eventi di “The Cold Forge”, ed è disponibile solo in lingua inglese).

Sito ufficiale: http://www.alexrwhite.com/
Pagina Facebook ufficiale: https://www.facebook.com/alexwhitewriter/


Continuate a seguire il sito e la pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati sulle ultime novità dall’Alien Universe! Vi aspettiamo anche nella community!

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

4 risposte

    1. Grazie mille Lucio! 🙂

      Intanto so che molti lo stanno ascoltando in formato audiobook! Per il resto bisognerà aspettare il 16 marzo purtroppo!

      1. Ormai diffido delle date: è da più di un anno che Titan Books sta rimandando i suoi due romanzi alieni originali, mentre i suoi altri libri escono tranquillamente. Siamo di fronte ad un… razzismo alieno? Ormai anche la Titan sta tirando i remi in barca, come la Dark Horse di qualche anno fa…
        In cartaceo questo romanzo è già uscito, ma sia per il prezzo esagerato sia per il tempo che serve per farselo arrivare da oltre oceano, preferisco aspettare il digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Ricevi le ultime news e articoli via mail!