Alien: Ridley Scott torna a parlare del futuro del franchise

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram
Share on email
Email
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Tra le ultime riprese del suo nuovo film “All the Money in the World”, l’inizio della pre-produzione per il suo nuovo film ispirato al romanzo “The Cartel” di Don Winslow, e moltissimi altri progetti in varie fasi della produzione, il regista Ridley Scott in questo periodo si sta dando molto da fare. Gli 80 anni appena compiuti quindi sembrano non farsi sentire.

Nella mente di Scott, nonostante tutti questi impegni, è sempre ben presente il pensiero per la continuazione del franchise di Alien. Queste le sue parole durante un’intervista per EW:

 

“Penso che ciò che dobbiamo fare, sia allontanarci gradualmente dalle cose aliene […] La gente dice: ‘Hai bisogno di più alieni, hai bisogno di più attacchi dei Facehuggers, hai bisogno di più toraci che esplodono’, quindi ho messo molto di tutto questo in Alien: Covenant e tutto si è adattato bene, ma penso che ora ci sia bisogno di cercare un’altra soluzione più interessante. Penso che l’intelligenza artificiale stia diventando molto più pericolosa e questa è veramente una cosa molto interessante.”

“Fassbender era un’intelligenza artificiale”, continua Scott. “Ian Holm [di Alien] era un’intelligenza artificiale, Roy Batty [di Blade Runner] era un’intelligenza artificiale, così come Rachael [di Blade Runner].”

Scott fa poi un esempio per chiarire meglio il suo punto di vista basandosi su un esperimento visto su Facebook in cui due androidi hanno iniziato a comunicare tra di loro in un modo non comprensibile dagli essere umani:

 

“Hanno messo insieme due IA e hanno incominciato a comunicare, inventando una nuova lingua, e nessuno poteva decifrare di che tipo fosse. Infine quindi hanno dovuto interrompere tutto. […] Potrebbero aver già implementato un qualcosa a noi ancora sconosciuto.”

 

alien-covenant-ac_152_00459216_rgb_copy_-_h_2017.jpg

Ridley Scott quindi calca nuovamente sul tema dell’intelligenza artificiale, un tema a lui sempre molto importante dai tempi del primo Alien e di Blade Runner fino a Prometheus ed Alien: Covenant con David. Sarà quindi questo il filo conduttore del suo prossimo capitolo?

Continuate a seguire il sito e la pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati sulle novità dall’Alien Universe!

 

Condividi:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *